The Sinner serie Tv | Recensione

The Sinner, la serie Tv giunta in Italia alla seconda stagione, si è rivelata un prodotto di notevole qualità artistica, al punto che negli Stati Uniti è già uscita la terza stagione ed è in cantiere la quarta.
Nel mare magno delle serie televisive, The Sinner si è subito imposta per la sua originalità e per l’approfondimento non convenzionale, né banale, delle storie che ha raccontato. In comune l’apparente inspiegabilità degli omicidi da cui si parte. Nella prima stagione una donna colta da raptus,in spiaggia sente una canzone alla radio e si alza per accoltellare l’uomo che sedeva accanto alla radiolina. Nella seconda stagione un bambino in viaggio con una coppia, la avvelena mettendo nel tè una pianta selvatica. In entrambi i casi i colpevoli vengono arrestati. E a quel punto entra in scena il detective Harry Ambrose, interpretato da Bill Pullman, che è l’unica star della serie. Nella prima stagione l’assassina è interpretata da Jessica Biel, che è anche la produttrice della serie, nella seconda la figura femminile predominante ha il volto e le sfumature di Carrie Coon.
Il fascino di The Sinner è dovuto a vari fattori. I misteri che avvolgono le storie; l”approccio diverso di chi indaga (il detective Ambrose appunto), la voglia di andare oltre le apparenze e di valorizzare al massimo la scoperta di ambienti e personalità. Probabilmente non si è mai visto un poliziotto così empatico nei confronti degli assassini, colpevoli ma fino ad un certo punto, quasi a loro insaputa. Un detective così desideroso di capire cosa c’è dietro, le motivazioni, i contesti.
E Bill Pullman dà fisicità e qualità al suo personaggio, confermandosi attore di livello, probabilmente sottovalutato dal cinema. I suoi sguardi, le sue riflessioni, i suoi silenzi. Non si sprecano parole in The Sinner, un racconto che sa prendersi le sue pause senza aver timori di quei vuoti che in un certo cinema di qualità degli anni 60 e 70 erano frequenti.
Senza contare la tensione che le storie sanno creare, tenendo desti attenzione e mistero fino allo scioglimento conclusivo, quasi mai scontato e previsto.
In questa seconda stagione il focus è su una setta (che vorrebbe essere spirituale ma che è anche ben altro), come ce ne sono tante negli Stati Uniti, sugli intrecci e le complicità che la fiancheggiano, sulle tenebre che avvolgono l’animo umano a vari livelli e con diverse modalità. Assolutamente da consigliare.

The sinner, la scheda

THE SINNER – Prima stagione – Regia: Antonio Campos. Interpreti: Jessica Biel (Cora Tannetti), ChristopherAbbott (Mason Tannetti), Dohn Norwood (detective Dan Leroy), Abby Miller (agente Caitlin Sullivan) and Bill Pullman (detective Harry Ambrose) .
Seconda stagione – Interpreti: Bill Pullman, Carrie Coon, Elisha Henig. Traci Letts, Natalie Paul. 8 episodi ogni stagione, durata tra i 40 e i 46 minuti.
* viste in versione originale con sottotitoli.
Terza stagione già uscita negli Stati Uniti. In cantiere anche la quarta stagione.

The sinner, il trailer originale


Leandro De Sanctis

Torna in alto