Sul Corriere dello Sport di giovedì 10 settembre 2015

@vistodalbasso

La prima volta delle azzurre a cielo
aperto regala brividi, metaforici e reali, nell’incantevole scenario di
piazza Santa Croce, nel campo di volley allestito dinanzi alla Basilica,
una delle meraviglie della città di Firenze.
    L’iniziativa della
Presidenza del Consiglio dei Ministri realizzata dal Coni nell’ambito
del progetto legato ad Expo 2015 per sensibilizzare il pubblico
sull’importanza di una corretto modo di nutrirsi (“Alimentazione e
sport, un gioco di squadra”) ha vissuto la sua seconda tappa, dopo la
pallanuoto a Capri e prima della scherma a Taormina, regalando una
serata di pallavolo sotto le stelle collocata in una cornice inedita che
ha affascinato gli oltre duemila spettatori che hanno potuto trovare
posto sulle tribunette montate per l’occasione.
    Brividi emotivi,
perchè alle pallavoliste non era mai successo di sperimentare cosa
significa giocare con il vento che accarezza e scuote i capelli, ti
sposta la palla e ti cambia la traiettoria del pallone, murare e
schiacciare avendo sullo sfondo la Basilica di Santa Croce invece che le
gradinate di un palasport. Brividi reali perchè la temperatura è scesa
non poco, in una più che fresca e frizzante serata settembrina.
   

Bella atmosfera, entusiasmo alle stelle sulle gradinate, riempite da
tanta gioventù entusiasta (reiterate ovazioni per Cristina Chirichella),
che ha avuto applausi per tutte, fin dall’arrivo in pullman delle
squadre, transitate nei gazebo che fungevano da spogliatoio virtuale.
«E’
stata una specie di vacanza – ha detto il ct azzurro Marco Bonitta –
che le ragazze hanno accolto con entusiasmo». Tutte le azzurre hanno
cantato l’inno di Mameli, durante la gara le panchinare che assistevano
in piedi a bordo campo non hanno mai smesso di incitare le compagne,
spesso battendo le mani insieme con il pubblico, fino a quando il freddo
è aumentato inducendole ad incappucciarsi con le tute per proteggersi
la cervicale.
    Una bella serata insomma, vissuta come una festa,
che le azzurre hanno saputo interpretare con massima dedizione. E alla
fine anche il risultato ed il gioco hanno soddisfatto.

«Sì, è stata
una bella serata ed anche tecnicamente ci sono state risposte positive.
La squadra ha sempre giocato bene, chiunque fosse in campo».
   
«Una partita particolare – racconta Lucia Bosetti – ma è stata una bella
serata, con tanto entusiasmo come durante i Mondiali. È stata una
bellissima esperienza che ci porteremo sempre con noi. Le sensazioni
anche a livello di gioco sono state positive, tenendo sempre conto che
in queste condizioni qualche errore ci poteva stare. La cosa davvero
fantastica è che il feeling sbocciato al Campionato Mondiale dello
scorso anno è ancora vivo, anzi la gente ci segue sempre con più
entusiasmo».
    «Location stupenda, ci siamo divertite molto – ha
raccontato Cristina Chirichella – Certo, era freddo e il vento si faceva
sentire ma è stato bello lo stesso». Nadia Centoni: «Per me è stata una
serata davvero speciale, tornare in Toscana con la Nazionale,
oltretutto in un contesto così, è stato fantastico. Sono davvero
orgogliosa di aver preso parte a un simile evento. Certamente giocare
all’aperto per noi è stato molto diverso, perché implica qualche
complicazione in più rispetto alle tradizionali gare, comunque ad
eccezione di qualche errore è andata bene, ci possiamo ritenere molte
soddisfatte».
 

   Prima degli Europei altre tre amichevoli: domani
all’Acquacetosa, a Roma (porte chiuse) ancora contro le azere, il 19 e
il 20 a Napoli, nel quartiere Ponticelli contro la Germania di Pedullà.
«Spero di esserci» dice la napoletana Chirichella. E sì perchè sabato
mattina, dopo l’amichevole bis con le azere, il ct Bonitta sfoltirà il
gruppo delle 18, selezionando la squadra con cui cercherà di andare a
vincere gli Europei. 

Per le foto ringrazio Fiorenzo Galbiati e Filippo Rubin

ITALIA-AZERBAIGIAN 3-0 (25-15, 25-18, 25-17 )
ITALIA:
Malinov 2, Centoni 6, Guiggi 7, Lucia Bosetti 12, Chirichella 10,
Costagrande 3, Libero: De Gennaro. Caterina Bosetti 6, Sorokaite 7,
Tirozzi, Signorile, Sansonna (libero). Non entrata: Folie. All. Bonitta.

AZERBAIGIAN: Aliyeva, Kovalenko 4, Parkhomenko 3, Bayramova 9,
Karimova 6, Azizova, Rahimova 13, Libero: Mammadova. Zhidkova 4,
Yagubova, Non entrate: Kyseliova, Abdulazimova All. Garayev.
 ARBITRI: Bartolini e Marotta. Spettatori: 2.200. Durata set: 21’, 25’, 23’. 
Le
cifre – ITALIA: 4 battute sbagliate , 5 ace, 15 muri (4 Chirichella),
attacco 37%, ricezione 55%. AZERBAIGIAN: 7 battute sbagliate, 2 ace, 7
muri, attacco 32%, ricezione 41%.

http://www.corrieredellosport.it/news/volley/2015/09/10-3893173/volley_la_serata_speciale_delle_azzurre_a_santa_croce/