Il cartellino verde della SuperLega Foto TrentinoVolley

La Top Volley Latina per la SuperLega di pallavolo e la Geosat Geovertical Lagonegro per la Serie A2 sono state le regine del fair play della scorsa stagione. Lo ha ufficializzato la Lega Pallavolo Serie A maschile: Latina ha collezionato 10 cartellini verdi, Lagonegro ben 15. A livello individuale, in SuperLega, Vettori e Holt con quattro cartellini sono stati i più leali. L’iniziativa volta all’incremento del fair play sotto rete ha già fruttato alla Lega e all’a.d. Massimo Righi,il premio dell’International Fair Play Committee su segnalazione del Panathlon.
Ed ora il fair play si trasforma in beneficenza. I cartellini verdi meritati dai giocatori della SuperLega e Serie A2 Credem Banca nella passata stagione si muteranno ora in iniziative caritatevoli grazie ai premi assegnati dalla Lega Pallavolo Serie A alle Società che hanno totalizzato più cartellini verdi nel corso della annata.

La classifica del fair play

Top Volley Latina con 10 cartellini verde per la SuperLega e Geosat Geovertical Lagonegro con 15 cartellini per la Serie A2 sono le squadre che hanno primeggiato per fair play nel corso della stagione. La Lega Pallavolo Serie A attribuirà un premio rispettivamente di 15.000 e 10.000 euro ai due Club, che comunicheranno a quali iniziative o associazioni benefiche destineranno il premio e consegneranno sul proprio campo l’assegno.

In tutto sono stati 74 i cartellini verdi in SuperLega Credem Banca su 182 gare di Regular Season lo scorso anno, 178 nelle 338 gare di Serie A Credem Banca. Luca Vettori (Itas Trentino) e Max Holt (Azimut Leo Shoes Modena) con 4 cartellini verdi a testa sono stati i giocatori singolarmente più premiati dagli arbitri, lo stesso numero di cartellini che in Serie A2 Credem Banca hanno meritato Alberto Marra (Geosat Geovertical Lagonegro), Damiano Valsecchi (Centrale del Latte Sferc Brescia), Pier Paolo Partenio (Menghi Shoes Macerata), Graziano Maccarone (Acqua Fonteviva Apuana Livorno), Alberto Baldazzi (Tipiesse Cisano Bergamasco), Alessandro Tondo (Gas Sales Piacenza) e Francesco Dutto (BAM Acqua San Bernardo Cuneo).

Le novità di quest’anno

A partire dalla stagione entrante il regolamento del cartellino verde è mutato, sottolineando ancora di più il fair play dell’atleta: solo il giocatore che ammetterà il proprio errore sul tocco a muro prima della chiamata del video Check da parte della squadra avversaria (e non dopo, come lo scorso anno) riceverà il cartellino. Nel caso alzi la mano successivamente alla richiesta check, non riceverà il cartellino verde e non sarà effettuato il controllo. Se non alzerà la mano e il video check riscontrerà il suo tocco, come avveniva nella passata stagione, il giocatore riceverà un provvedimento disciplinare.

Il cartellino verde mostrato dall’arbitro Puecher