The end of the F***ing World

THE END OF THE F***ING WORLD –  Regia: Jonathan Entwistle, Lucy Tcherniak. Interpreti: Alex Lawther. Jessica Barden, Gemma Whelan, Wunmi Mosaku. *vista in edizione originale inglese con sottotitoli in italiano.

—————–spoiler alert—————–

di Luke Slade

The end of the f***ing world, la serie Tv su Netflix.

La serie è basata sul fumetto “The End of the Fucking World” di Charles Forsman, pubblicato in Italia da 001 Edizioni. Diretta da Jonathan Entwistle e Lucy Tcherniak è disponibile su Netflix dal 5 gennaio 2018 ed è costituita da 8 episodi da circa 20 minuti ciascuno per una durata complessiva di poco più di 2 ore e mezza. Questa nuova serie originale Netflix ci presenta James (interpretato da Alex Lawther, protagonista della puntata “Shut Up and Dance” di Black Mirror), adolescente disturbato cresciuto uccidendo animali e fantasticando sull’omicidio; e Alyssa (interpretata da Jessica Barden, vista in The Lobster di Lanthimos e nella serie Penny Dreadful), diciassettenne rabbiosa, frustrata e incompresa dalla famiglia e dai coetanei.

I due giovani si incontrano a scuola, attratti quasi magneticamente dall’insoddisfazione e la sofferenza che entrambi celano. Lei vede in lui un’occasione, una rampa di lancio verso un futuro diverso dalla superficialità e falsità che la circondano. Lui vede in lei la sua prima potenziale vittima. Già dopo la prima puntata, in cui sembra che l’omicidio sia imminente, affiora l’inevitabile pensiero che James non porterà a termine il suo intento e che anzi finirà per nascere tra i due una storia d’amore, fin troppo prevedibile.
La vicenda dopo poco comincia a prendere proprio la piega pronosticata ma ha ben poca importanza perché dopo un paio di puntate già siamo completamente ammaliati e incuriositi dai due protagonisti, affascinanti e ben disegnati, che si rivelano lentamente e in modo efficace grazie anche ad una sceneggiatura fluida e naturale (per quanto molti degli atteggiamenti dei personaggi siano a dir poco atipici) e alla recitazione dei due giovani attori, essenziale ma molto credibile.

The end of the f***ing world

Ogni puntata è sapientemente strutturata e fitta di avvenimenti che portano i due amanti in fuga ad unirsi ed allontanarsi per poi ritrovarsi. Momenti psicologicamente pesanti e molto intensi vengono smorzati da sequenze ironiche e da dialoghi pregni di un’ ingenua ma poetica spensieratezza, ciò rende la serie godibile e non monotona anche nel caso la si guardi tutta d’un fiato. Un episodio tira l’altro e siamo sempre più in ansia per il destino di James e Alyssa, verso i quali è impossibile non empatizzare sotto molteplici aspetti. Entrano nel cuore con il dolore e la rabbia che portano con loro, contrapposti all’innato desiderio di amare, di lasciarsi tutto alle spalle e vivere felici lontano da chi li ha feriti e dalle esperienze che li hanno segnati.

L’epilogo drammatico della serie è la ciliegina sulla torta per una storia romantica (nel senso più ampio del termine, oltre la mera relazione amorosa) e carica di passione e poesia.

Pare che non sia però da escludere totalmente la possibilità di un seguito, visto il grande successo riscontrato da questa prima stagione. A tal proposito spero vivamente che ciò non accada e che non commettano l’errore di proseguire un racconto che trova il suo punto di forza nel climax di tensione che porta verso un finale intenso e conclusivo, andando così a minarne il significato.

Una menzione speciale oltre che alla bellissima fotografia e alle ambientazioni (spiagge deserte, strade isolate e boschive, ville e quartieri popolari delle periferie inglesi) va alla colonna sonora, composta sia da brani originali ad opera di Graham Coxon (Blur) sia da un’accurata e azzeccatissima selezione di canzoni (principalmente anni ’60) perfettamente in sintonia con il mood dei protagonisti e le vicende narrate.

The end of the f***ing world

IL TESTO

“the end of the world” by Julie London

Why does the sun go on shining?
Why does the sea rush to shore?
Don’t they know it’s the end of the world
‘Cause you don’t love me anymore?
Why do the birds go on singing?
Why do the stars glow above?
Don’t they know it’s the end of the world
It ended when I lost your love
I wake up in the morning and I wonder
Why ev’rything’s the same as it was
I can’t understand, no I can’t understand
How life goes on the way it does
Why does my heart keep on beating?
Why do these eyes of mine cry?
Don’t they know know it’s the end of the world?
It ended when you said goodbye
IL TRAILER ORIGINALE
Di seguito alcuni dei brani più significativi
Bernadette Carroll – Laughing On The Outside
Soko – We Might Be Dead By Tomorrow
Tullycraft – Superboy Supergirl
Julie London – End of The World