Il logo dei Mondiali di pallavolo 2018, sede di Roma

Fipav, allergia alla comunicazione.
Bisogna fare i complimenti alla Federazione Italiana Pallavolo, che è riuscita nell’impresa di tenere nascosto il più possibile il fatto che in Italia si stanno per svolgere i Campionati del Mondo di pallavolo maschile. Un dato rilevato perfino all’interno della Nazionale italiana, che si sarebbe aspettata un supporto diverso, in linea con la favoletta della valorizzazione della Nazionale, roba buona solo per la campagna elettorale. Si lamenta una lacuna, ma poi quando si potrebbe dimostrare di essere più abili, non si fa nulla e anzi si fa peggio di prima.
Forse è solo un problema di salute, una di quelle allergie stagionali (che in federazione durano dodici mesi e quattro stagioni l’anno) che rendono dura la vita a chi ne soffre. In questo caso tuttavia, l’allergia colpisce di riflesso il mondo esterno, chi ancora lavora credendo in certi valori e pensando di contribuire a far parlare e conoscere questo sport. Dalle enormi potenzialità ma puntualmente ridimensionato dal fuoco amico, dall’incapacità di rendere trasparente il lavoro istituzionale e di coccolare i protagonisti, ovvero giocatori, tecnici, tutti coloro che lavorano quotidianamente per il bene del volley italiano. Se ne ebbe conferma immediatamente, ad inizio 2017, quando la Fipav non comunicò che il beach volley mondiale al Foro Italico non si sarebbe svolto, notizia anticipata dal Corriere dello Sport. E poi nei casi che riguardarono Sylla e Orsi-Toth, le scelte del beach volley, solo per ricordarne alcuni di interesse nazionale.

Sotto riportiamo le due ultime occasioni “omertose”, in cui le notizie vengono imbavagliate, salvo poi essere veicolate attraverso i canali privilegiati. Contenti loro… Diciamo che se il Coni avesse voce in capitolo in materia, sarebbero da cacciare tutti i responsabili “politici” che sono ai propri posti da anni, molti anni in qualche caso, e affidare la comunicazione della Fipav a chi sa farla.

1. Andrea Raffaelli è stato sollevato dall’incarico di Direttore Tecnico federale del beach volley. Lo ha annunciato lui stesso sulla sua pagina Facebook. La Fipav non ha emesso comunicati nulla al riguardo.

2. Domenica allo Stadio del Tennis del Foro Italico, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella presenzierà alla partita inaugurale dei Mondiali di pallavolo, Italia-Giappone. La notizia è stata data domenica pomeriggio da RaiSport, dalla coppia Lucchetta-Colantoni, durante la telecronaca dell’amichevole Italia-Cina.
La Fipav, che aveva voluto tenere nascosta la notizia (non chiediamoci le ragioni, ci sarà dietro qualche astutissima strategia) l’ha data martedì, dopo che anche il presidente del Coni, Malagò, ne aveva parlato incontrando la stampa.

3. La discordanza: parlando a due giornali diversi, è emersa una discordanza tra il presidente federale Bruno Cattaneo e il responsabile degli eventi su Roma, Luciano Cecchi. Per il presidente andare dal Foro Italico al PalaLottomatica sarebbe stato un problema per via della differente capienza dei due impianti. Ballavano 750 biglietti, poichè al Foro Italico entrano 11.000 persone mentre all’Eur i posti non sarebbero stati sufficienti per tutti coloro che hanno acquistato il biglietto. Invece per Luciano Cecchi non ci sarebbero stati problemi perchè tutto era già considerato e predisposto. Chi aveva ragione dei due?

https://www.vistodalbasso.it/2017/03/13/volley-la-fipav-cancella-il-world-tour/

https://www.vistodalbasso.it/2017/03/14/pallavolo-niente-world-tour-roma-la/

https://www.vistodalbasso.it/2017/07/13/volley-fipav-lo-strano-deferimento-di/

https://www.vistodalbasso.it/2017/08/06/volley-fipav-mizuno-dopo-la-vicenda/

https://www.vistodalbasso.it/2017/09/06/volley-caso-sylla-la-fipav-e-la/

https://www.vistodalbasso.it/2018/01/13/beach-volley-fipav-un-toth-omissioni/

Mondiali volley 2018