L’esultanza di Gonzalo Higuain dopo il gol del 2-1 all’Inter

Inter-Juventus 1-2. E i Campioni d’Italia tornano al comando della Serie A. Nella serata più difficile la squadra di Sarri sfodera una gran bella partita e ancora una volta espugna San Siro con un gol di Higuain, giunto dopo una sequenza di ben 24 passaggi, nella stessa porta dove due stagioni fa trovò il gol scudetto.
Partita spettacolare nel primo tempo, intensa, ricca di episodi. Una gara sbloccatasi dopo soli 4 minuti: il gol di Dybala aveva da un lato premiato la scelta di Sarri di puntare subito su Paulo, dall’altro indirizzato la sfida.

Ronaldo, traversa e gol annullato

La Juventus avrebbe potuto chiuderla nell’azione della traversa di Cristiano Ronaldo. E successivamente, dopo il rigore trasformato da Lautaro Martinez, il gol dello stesso Ronaldo annullato per un fuorigioco di Dybala (la punta della scarpa) avrebbe potuto mandare la Juve al riposo in vantaggio.
Ma nella ripresa i bianconeri dimostravano di poter ancora condurre la partita, mentre l’Inter non riusciva più a fare pressing alto con continuità e perdeva di incisività, pur stando sempre in campo con grande determinazione.
La Juventus è piaciuta per come ha saputo stare in campo. Pjanic sempre presente e sicuro. Cuadrado ancora una volta sicuro nelle due fasi. In attacco ottimi Ronaldo e Dybala, così come Higuain che è entrato nel modo migliore nella fase conclusiva. Bene Bonucci, meno de Ligt, che ha causato il rigore e si è macchiato di altre leggerezze. Squadra comunque compatta, con Alex Sandro stavolta ben oltre una sufficienza piena.
Anche l’arbitro Rocchi se l’è cavata, disinnescando situazioni rischiose con un arbitraggio uniforme e qualche lieve imperfezione o dubbi (i contrasti su Dybala, Lukaku e Bentancour).
E così curiosamente la prima sconfitta di Conte sulla panchina dell’Inter arriva per mano della Juventus, così come quando Conte prese la Juventus, perse per la prima volta allo Stadium contro l’Inter.
La realtà dice che ora la Juve è di nuovo prima in classifica, avendo superato l’ostacolo alto di San Siro con perizia e abilità, sorpassando una squadra che era lanciatissima e ricevendo risposte confortanti dai suoi tre attaccanti (CR7, Dybala, Higuain) e dalla squadra nel suo insieme.

INTER-JUVENTUS 1-2

RETI: Dybala 4′ pt, Lautaro rig. 18′ pt, Higuain 35′ st

INTER
Handanovic; Godin, (9′ st Bastoni) de Vrij, Skriniar; D’Ambrosio, Barella, Brozovic, Sensi (33′ pt Vecino), Asamoah; Lautaro (33′ st Politano), Lukaku
A disposizione: Padelli, Ranocchia, Biraghi, Di Marco, Gagliardini, Lazaro, Borja Valero, Candreva, Esposito
Allenatore: Conte

JUVENTUS
Szczesny; Cuadrado, Bonucci, de Ligt, Alex Sandro; Khedira (17′ st Bentancur), Pjanic, Matuidi; Bernardeschi (17′ st Higuain); Dybala (26′ st Emre Can), Ronaldo
A disposizione: Buffon, Pinsoglio, Rugani, Demiral, Emre Can, Rabiot, Ramsey
Allenatore: Sarri

ARBITRO: Rocchi
ASSISTENTI: Meli, Carbone
QUARTO UFFICIALE: Maresca
VAR: Irrati, Peretti
AMMONITI: 13′ pt Alex Sandro, 39′ st Emre Can, 40′ st Pjanic, 43′ st Vecino, 45′ st Barella