Armando Monini e Andrea Scozzese al PalaEur, 2014, Mondiali femminili di pallavolo                  Foto LEADES

Andrea Scozzese tre anni fa ci lasciava.

7 dicembre 2015/7 dicembre 2018

Andrea Scozzese è scomparso tre anni fa, in una notte da tregenda, tra neve, ghiaccio e tornanti assassini. I sentimenti privati devono restare tali, ma anche rifuggendo la retorica è chiaro che la tragica uscita di scena di Andrea ha lasciato un gran vuoto in tutti coloro che l’avevano conosciuto e nell’ambiente della sua amatissima pallavolo.

Non mi permetto di entrare nel privato, se non per ribadire la totale vicinanza affettiva, ancora oggi, alla famiglia di Andrea, così duramente colpita nei sentimenti più profondi, e il dolore per l’amico perduto.

Inevitabile invece, sottolineare una volta di più la grandezza della sua intuizione Volleyrò e la tenacia, la competenza e la determinazione con cui il suo partner sportivo Armando Monini porta avanti quella che al suo nascere sembrava un’utopia. Naturalmente insieme con gli altri pezzi forti storici  della società.

Un’idea che ha avuto il suo coronamento plateale e pubblico in occasione dei Mondiali femminili di volley. Nella Nazionale vincitrice della medaglia d’argento c’erano quattro ragazze che hanno avuto Volleyrò nel loro percorso di crescita, umana e sportiva: Anna Danesi, Carlotta Cambi,  Elena Pietrini e Sylvia Nwakalor. Come non pensare ad Andrea? Quanto sarebbe stato fiero e felice nel vedere i suoi gioielli in finale ai Mondiali? E non si sarebbe accontentato di sedersi la mattina davanti alla tv, posponendo gli impegni di lavoro, ma avrebbe “costretto” il suo amico Armando a volare in Giappone con lui, per godersi lo spettacolo in tribuna. O a bordo campo, come appaiono nella foto di questo post, che scattai ad Andrea e Armando durante i Mondiali femminili, al PalaEur di Roma.

Pochi giorni fa, in occasione della tre giorni della Scuola Anderlini a Roma, ho riascoltato parole che mi sono suonate familiari: la piramide al contrario. Era l’idea cara ad Andrea Scozzese. La raccontò e spiegò in un pomeriggio che ormai non posso più dimenticare, nei locali di riunione del Corriere dello Sport. Ed io, per fissare quel concetto di priorità della base e della formazione, mentre da più parti gli chiedevano di fare una squadra per la serie A, disegnai proprio la sua piramide rovesciata.

Tre anni, e pare ancora ieri, quel dolore inatteso, insopportabile. Ingiusto. Un soffio.  che costringe a rammentare quanto la vita trascorra in fretta e quanto per qualcuno, sia stata maledettamente breve.

Memorial Andrea Scozzese 2018

https://www.vistodalbasso.it/2018/11/17/vollhttps://www.vistodalbasso.it/2017/12/08/volley-andrea-scozzese-due-anni/

https://www.vistodalbasso.it/2016/12/06/volley-un-anno-senza-andrea-scozzese-i/

https://www.vistodalbasso.it/2018/11/17/volley-3-memorial-scozzese-il-7-dicembre/

 

https://www.vistodalbasso.it/2015/12/10/volley-in-ricordo-di-andrea-scozzese/