Valerio Staffelli consegna il Tapiro a Jury Chechi

Questa sera, lunedì 26 novembre, a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35) Jury Chechi riceve il Tapiro d’oro per non essere stato invitato alla festa dei 150 anni della Federazione Ginnastica d’Italia.

Staffelli intercetta l’ex atleta olimpico e chiede: «Siamo venuti a farle la festa perché la Federazione di ginnastica non le ha fatto la festa. 150 anni e non invitano il “signore degli anelli”? Come è possibile?». Chechi risponde: «Oggi ho letto giustificazioni sui giornali, ne prendo atto. Hanno invitato tante persone, tanti atleti, più di 500 persone nel salone d’onore, altri 2 o 3 invitati… Siamo 3 medaglie olimpiche nella ginnastica, una telefonatina potevano farla a me, Igor Cassina e Matteo Morandi».

Chechi, interrogato da Staffelli su chi sia il responsabile della mancata partecipazione dell’olimpionico all’evento, ha detto: «La Federazione, il presidente Gherardo Tecchi, che credo abbia fatto una scelta, giustificata in qualche modo, che però non mi vede d’accordo». E conclude: «Faccio gli auguri alla Federazione, perché le voglio bene».

Jury Chechi è un signore, ma ciò che ha fatto la Federginnastica è insopportabile. Chechi è stato il più grande e conosciuto ginnasta dell’era contemporanea, l’uomo che ha portato questa disciplina nelle case degli italiani. Ha dato e continua a dare tantissimo allo sport con la sua limpidezza e la sua attività per avvicinare i giovani e promuovere i valori autentici e genuini dello sport. Avrebbe dovuto essere il primo degli invitati. Non ci sono giustificazioni. Il Tapiro avrebbero dovuto darlo al presidente federale Tecchi, altro che a Chechi.

https://it.wikipedia.org/wiki/Jury_Chechi