Sampdoria-Juventus 1-2, capolavori Dybala e Ronaldo

Il volo di Ronaldo per il gol del 2-1 a Genova con la Sampdoria: a 2,56 metri d'altezza Foto Juventus.com
Il volo di Ronaldo per il gol del 2-1 a Genova con la Sampdoria: a 2,56 metri d’altezza Foto Juventus.com
Il volo di Ronaldo per il gol del 2-1 a Genova con la Sampdoria: a 2,57 metri d'altezza Foto Juventus.com
Il volo di Ronaldo per il gol del 2-1 a Genova con la Sampdoria: a 2,57 metri d’altezza Foto Juventus.com

Sampdoria-Juventus 1-2, capolavori Dybala e Ronaldo. La Juventus prova a staccare l’Inter vincendo una partita scorbutica a Marassi contro la Sampdoria dell’ex Ranieri. Sarri ha di niuovo scelto la formula delle tre punte: Cristiano, Higuain e Dybala insieme in campo. Non è bastato un ampio e netto predominio nel possesso palla per agguantare i tre punti senza patire le solite sofferenze. Non che la squadra non abbia giocato benino, ma stasera a risolvere la sfida sono stati i due campioni. Prima Dybala ha sfoderato un diagonale al volo spedendo in rete un cross di Alex Sandro. Poi è stato Cristiano Ronaldo a incantare con una eccezionale elevazione (metri 2,56) e un colpo di testa che si è infilato appena sotto la traversa di Audero, anche in questa occasione raccogliendo un bel cross di Alex Sandro.

Il solito svarione difensivo nell’1-1 di Caprari

Peccato che tra i due gioielli ci sia stato l’ormai abituale svarione difensivo: Alex Sandro invece di spazzare sulla fascia sinistra, si avventurava in un dribbling e perdeva palla sulla pressione doriana. Rigiocata veloce e palla a centro area per una staffilata potente di Caprari che non lasciava scampo a Buffon (647 partite in Serie A per lui, eguagliato Paolo Maldini).
Il difetto della Juventus è proprio questo: non riuscire a chiudere le partite, rischiare troppo anche in relazione alla sproporzione tra dominio e gol prodotti, sbagliare troppo in fase difensiva: per distrazioni, per presunzione, per errati piazzamenti, per mancata sincronia. Del resto cambiando così spesso e con giocatori nuovi, non è semplice.
Vado controcorrente e sostengo che con la Samp Demiral non mi ha soddisfatto. Troppo esagitato il turco, troppo focoso e superficiale in frangenti che avrebbero potuto costar cari, in una gara invece molto corretta. E Rugani continua ad essere confinato in panchina, senza avere possibilità di mettere minuti e autostima nelle gambe.
Non ho nemmeno visto un Rabiot meritevole di riscuotere timidi consensi. Stavolta non ha fatto troppi danni perdendo palloni, è vero, ma se penso che guadagna 7 milioni e mezzo di euro l’anno e che è uno dei più remunerati a parte Ronaldo, continuo a ritenerlo un mistero della fede bianconera. Anche perché determinerà l’addio a Emre Can al mercato di gennaio.
Sampdoria-Juventus 1-2, un altro gol subito, il diciassettesimo. L’anno scorso dopo 17 partite la rete bianconera era rimasta inviolata dieci volte. Ora soltanto cinque, a testimonianza di una problematica che se non risolta, non consentirà di arrivare lontano.

Il capolavoro di Dybala, il volo magico di Ronaldo

Il bicchiere è invece pieno se ci si bea della visione dei gioielli balistici che hanno permesso il successo contro la Sampdoria: il volo di Ronaldo è impressionante e suscita sconfinata ammirazione, perché abbinato alla precisione del suo colpo di testa, la sua specialità. Per il quattordicesimo anno consecutivo Cristiano è andato in doppia cifra in campionato, a Marassi ha timbrato il suo gol di testa numero 128, undicesimo in bianconero. Ma anche l’1-0 di Dybala era stato molto bello, un tiro tutt’altro che semplice trasformato invece in gol con estrema naturalezza.

E domenica la Supercoppa con la Lazio

E domenica la Juventus prova a mettere le mani sul primo trofeo della stagione. La Supercoppa in palio a Riad: si giocherà contro la Lazio nello stadio dell’Università Re Sa’ud di Riad, in Arabia Saudita. Si gioca per la Supercoppa e per cancellare la recentissima sconfitta subita all’Olimpico con i biancocelesti.

Il diagonale al volo di Dybala per l'1-0 sulla Sampdoria Foto Juventus.com
Il diagonale al volo di Dybala per l’1-0 sulla Sampdoria Foto Juventus.com

Sampdoria-Juventus 1-2

RETI: Dybala 19′ pt, Caprari 35′ pt, Ronaldo 45′ pt

SAMPDORIA Audero; Murillo, Colley, Ferrari, Murru (31′ st Augello); Depaoli (5′ st Leris), Thorsby, Linetty, Jankto (17′ st Gabbiadini); Caprari, Ramirez
A disposizione: Seculin, Falcone, Chabot, Pompetti, Rigoni, Regini, Maroni, Quagliarella
Allenatore: Ranieri

JUVENTUS Buffon; Danilo, Bonucci, Demiral, Alex Sandro (37′ st De Sciglio); Rabiot, Pjanic, Matuidi; Dybala (32′ st Douglas Costa), Higuain (23′ st Ramsey), Ronaldo
A disposizione: Perin, Pinsoglio, Cuadrado, de Ligt, Rugani, Emre Can, Portanova, Bernardeschi, Pjaca Allenatore: Sarri
ARBITRO: Rocchi
ASSISTENTI: Ranghetti, Cecconi
QUARTO UFFICIALE: Giua
VAR: Banti, Lo Cicero
AMMONITI: 43′ pt Jankto, 14′ st Pjanic, 16′ st Murillo, 31′ st Caprari, 31′ st Demiral, 47′ st Caprari, 51′ st Ramirez
ESPULSO: 47′ st Caprari


Leandro De Sanctis

Torna in alto