Rancore live a Radio Rai2

Rancore live a Rai Radio 2

MUSICA : RANCORE LIVE A RAI RADIO 2

 
Scritto da Luca De Sanctis
 
In questi ultimi anni il rap è diventato un genere commerciale, ascoltato dalla massa anche in Italia, grazie soprattutto all’ondata trap, arrivata dagli States con 10 anni abbondanti di ritardo. Il dilagare di questo sottogenere, soprattutto tra i giovanissimi, ha permesso anche ad artisti meritevoli e non dell’ultima ora (precedentemente relegati in un limbo tra underground e mainstream, diciamo overground) di incontrare il grande pubblico. L’ultima edizione del Festival di Sanremo, con la partecipazione di vari nomi provenienti dal panorama rap tra i quali Rancore (con Daniele Silvestri in Argentovivo), è stata sicuramente sintomo di questo cambiamento tardivo ma comunque apprezzabile.
Il romano Rancore, dal Tufello con furore, è forse l’artista che più di chiunque altro merita l’attenzione che sta ricevendo. 
Ad oggi mettere qualche rima a tempo sopra un beat non è poi così difficile se si è dotati di un minimo di orecchio e fantasia. Quello che è difficile è essere originali, avere uno stile inconfondibile, creare un mondo attorno alla propria figura e in ogni canzone lasciare qualcosa di significativo e duraturo che al contempo risulti musicalmente piacevole.
Ultimamente siamo inondati da cantanti improvvisati che si limitano a replicare fino alla nausea degli schemi che si è capito funzionare a livello commerciale. Pezzi orecchiabili sicuramente, ma destinati a durare qualche mese se non di meno, privi di contenuti e valore artistico. Memorizzare il testo è facile tanto quanto dimenticarsi della canzone stessa dopo una manciata di riproduzioni. Ascoltando questi rapper fotocopia viene istintivo pensare che chiunque potrebbe fare quello che fanno (senza talento o estro artistico, forse giusto con l’aiuto di social manager o influencer), quando si ascolta Rancore invece il pensiero è l’opposto. Per fare quello che fa Rancore, l’unico modo è essere Rancore. 
Sul palco della sala B di Via Asiago a Roma, in diretta per Radio2, Rancore ha messo tutto se stesso eseguendo quasi per intero il suo ultimo album “Musica Per Bambini” e un paio di vecchie perle come “Sunshine” e “La Morte Di Rinquore“. Il suo ultimo successo discografico, benché molto denso e impegnativo, funziona sia su disco che in sede live e lo show che l’artista romano porta sul palco insieme alla sua orQuestra è coinvolgente ed emozionante. Rancore si trasforma in base alla natura di ogni canzone, senza l’ausilio di costumi, a differenza degli show del suo ultimo tour (ormai alle ultime date) e arricchisce ogni pezzo con degli interludi dove si racconta con pensieri e aneddoti del suo passato spiegando cosa lo ha portato ad elaborare i concetti espressi nei testi del suo ultimo disco.
Così facendo riesce magicamente a creare un micro universo attorno ad ogni canzone oltre che a impreziosire piacevolmente il live con note di teatro. Si ha la percezione che anche il più “imprevisto” dei siparietti sia calcolato e studiato nei minimi dettagli ma lui ci mette anima e corpo e non si ha mai la fastidiosa sensazione di impostato o fittizio.
Tarek Lurcich nasce a Roma nel 1989 da padre croato e madre egiziana, si avvicina al rap nel 2004 facendosi chiamare Lirike Taglienti e successivamente Rancore. Il suo stile di scrittura unico e meticoloso rivela una personalità ansiosa e tormentata. Molto introspettivo e critico verso sè stesso, Rancore dipinge le storie più disparate come il migliore dei menestrelli, raccontandosi sotto forme sempre diverse. Riesce a materializzare scenari antichi e fantastici creando storie ricche di dettagli, metafore e allegorie, ironico e tagliente ma con una serietà quasi documentaristica.
Rancore è un artista sicuramente pesante da digerire, non di facile ascolto sia per le strumentali  che per i testi fitti e complessi che spesso sacrificano la musicalità a favore del contenuto. La sua musica non è immediata e istantaneamente catalogabile ma penso che  in un periodo dove si riesce al primo ascolto ad anticipare i testi telefonati di molte canzoni, ci vorrebbero sotto i riflettori più artisti come lui che ti obbligano a riflettere e a riascoltare più volte un brano per poterne cogliere a pieno il messaggio.
Il concerto in diretta di Rancore (5 aprile) è stato aperto come di consueto a un ristretto pubblico di fortunati ascoltatori con ingresso libero fino all’esaurimento dei posti. Per partecipare ai prossimi concerti di Radio2 Live è possibile iscriversi alla pagina RaiPlayRadio/Radio2, cliccando su “come partecipare” all’interno dello spazio dedicato a Radio2 Live.
 
Live Rancore @Radio2 (5/04/19):

I prossimi live a Rai Radio 2

 Il 12 aprile i Canova, il 19 aprile Franco126, il 26 aprile i Cor Veleno, il 3 maggio i Tre Allegri Ragazzi Morti, il 24 maggio La Rappresentante di Lista e mercoledì 29 maggio i Boomdabash.
Argentovivo (con Daniele Silvestri)