Nei gialli in cui ci si scervella per capire chi è il colpevole, spesso l’assassino risulta essere poi la persona più insospettabile. Tra i casi di inciviltà che affliggono il quartiere di Roma che va da via dei Giornalisti a via Stresa-Piazza Monte Gaudio, attorno alla via Trionfale, nelle ultime settimane si è fatta notare la sprezzante maleducazione di chi ha abbandonato materassi e reti di letti accanto a cassonetti.
Eppure basta una telefonata all’AMA che fissa un giorno e un’ora, e viene a ritirare gratuitamente gli oggetti ingombranti di cui occorre disfarsi. Basta poco insomma, per non unirsi alla folla incivile che svilisce e insulta questo quartiere, questa città. Folla composta per lo più da italianissimi cittadini (mi spiace, ma non troppo, deludere chi dà la colpa di tutto solo agli stranieri, tra l’altro invocando a sproposito la non approvazione di leggi sacrosante di cui probabilmente non conosce nemmeno il significato).

Ma andiamo ai materassi (e stavolta non è una citazione cinematografica: Il Padrino, C’è posta per te): come avete letto nel titolo, le colpevoli sono le suore, molto chiassose e fastidiose, assai poco pie, dell’Istituto Filippini, immortalate in foto da un’abilissima fotografa che ha postato le immagini sul gruppo Facebook del quartiere.
Altro che extracomunitari… Astute, comunque, anche le suorine materassaie: invece di depositare i materassi accanto ai cassonetti dell’ingresso di via Mario Fani, a pochi metri dal loro cancello degli appartamenti, se lo sono trascinato (come da foto)

nel punto più distante, in via Stresa.
Complimenti, altro episodio di carità cristiana e di comprensione per il prossimo. Come la rumorosissima macchina raccogli foglie e aghini di pino che ora tutti i venerdi mattina di buon’ora dà la sveglia ai palazzi limitrofi (hanno fatto la grazia, prima era il sabato mattina, https://www.vistodalbasso.it/2015/08/03/roma-maestre-pie-filippini-e-i/), come le discussioni ad alta voce nell’area giardinaggio alle 7.30 del mattino, come la luce abbagliante della croce che la notte da qualche anno ha messo …in croce il palazzo di via Sangemini che fronteggia l’istituto.
Insomma, le suore vivono nella loro bolla e del quartiere poco gli importa, la telefonata all’AMA non l’hanno fatta. Quindi una cosa è certa: le suore dell’Istituto Filippini, non AMAno il prossimo.