Juventus-Manchester United 1-2, Pjanic in azione

JUVENTUS-MANCHESTER UNITED 1-2
RETI: 
Ronaldo 20′ st, Mata 41′ st, Alex Sandro (aut.) 45′ st

La prima sconfitta stagionale della Juventus ha avuto dell’incredibile. Una partita condotta e dominata per 85 minuti, persa negli ultimi minuti con gravi responsabilità.Ancora una volta i bianconeri pagano il fatto di non saper chiudere le partite una volta in vantaggio. E dire che le occasioni ci sono state, a parte il palo di Khedira nel primo tempo e la traversa di Dybala nella ripresa. Un fraseggio bello da vedere, palloni persi ma subito recuperati con raddoppi di marcatura, tocchi eleganti e azioni in velocità che spesso hanno strappato l’applauso allo Stadium. Ma tutto questo non è servito a nulla perchè i cinque minuti di disattenzioni finali, hanno regalato agli inglesi e a Mourinho la più sorprendente delle vittorie. Perfino il pareggio realizzato da Mata su calcio piazzato dal limite pareva punizione esagerata per gli errori in zona gol dei bianconeri, che avevano sbloccato il risultato con un gioiello di Ronaldo, servito in area con un altrettanto splendido lancio di Bonucci. Da posizione diversa ma gol simile a quello realizzato da Dybala in questa Champions, con lo Young Boys. E si, ha ragione Chiellini: stavolta la Juve l’ha fatta davvero grossa. Una squadra che vuole vincere la Champions non può continuare a sbagliare gol in quantità industriale, a dominare le partite giocando un ottimo calcio, ma senza concretizzare la sua superiorità. E magari, come stasera, pagando a caro prezzo il tutto. Ancora una volta incassati gol su calci da fermo e nell’occasione le responsabilità di Szczesny mi sono parse evidenti, più di quelle attribuibili a Bonucci (spinto anche da Pogba) e Alex Sandro. Ripensando anche alle parate effettuate da Buffon ieri sera al San Paolo, inevitabile provare rabbia, amarezza e nostalgia per la gestione globale dell’addio di Buffon. Ma questa è una opinione personale.

Discorso a parte merita Mourinho. Non è un mistero che io sia juventino fino al midollo. E come tale debba spesso vergognarmi della maleducazione espressa dalla frangia meno civile della tifoseria bianconera. E se fossi nella società mi comporterei molto diversamente con la Curva, altro che far ricorso contro la squalifica. In sintesi: Mourinho insultato all’andata, in casa sua. Mourinho insultato anche ieri allo Stadium. Se dopo aver ribaltato il risultato fa il gesto di portarsi la mano all’orecchio, come a dire, ora non vi sento più… non mi sembra il caso di dargli addosso. Come invece ha fatto Paola Ferrari dallo studio della diretta Rai. Sconcertante l’atteggiamento della conduttrice (fortunatamente tamponato da Aurelio Capaldi che ha finto di non sentirla quando gli chiedeva di reiterare il capo d’imputazione. Forse lei non ha visto la partita di Manchester…) che non contenta del commento insisteva sul gesto del portoghese all’andata, quando ugualmente era stato insultato. Un po’ d’equilibrio non guasterebbe. O si vuole scendere al livello della parte più maleducata della tifoseria juventina?

Juventus-Manchester Utd 1-2, Giorgio Chiellini

GIORGIO CHIELLINI

«Dovevamo chiuderla, perché è stata un’ottima partita. Se vogliamo arrivare a Madrid a fine stagione dobbiamo imparare da questa sera, perché i dettagli fanno la differenza, e oggi meritavamo di stravincere. Siamo in ballo, meglio aver perso stasera che in seguito, ma dobbiamo migliorare. Abbassiamo le ali, perché era da due o tre partite che una cosa del genere era nell’aria, e questa sera la abbiamo fatta grossa».

JUVENTUS-MANCHESTER UNITED 1-2

RETI: Ronaldo 20′ st, Mata 41′ st, Alex Sandro (aut.) 45′ st

JUVENTUS

Szczesny; De Sciglio (37′ st Barzagli), Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Khedira (16′ st Matuidi), Pjanic, Bentancur; Cuadrado (47′ st Mandzukic), Dybala, Cristiano Ronaldo
A disposizione: Perin, Cancelo, Benatia, Rugani
Allenatore: Allegri

MANCHESTER UNITED
De Gea; Young, Lindelof, Smalling, Shaw; Herrera (34′ st Mata), Matic, Pogba; Lingard (25′ st Rashford), Sanchez (34′ st Fellaini), Martial
A disposizione: Romero, Bailly, Darmian, Fred
Allenatore: Mourinho

ARBITRO: Haţegan (ROU)
ASSISTENTI: Șovre (ROU), Gheorghe (ROU)
QUARTO UFFICIALE: Ghinguleac (ROU)
ARBITRI D’AREA: Petrescu (ROU), Colţescu (ROU)

AMMONITI: 12′ pt Matic, 11′ st Alex Sandro, 30′ st Dybala, 30′ st Herrera, 50′ st Martial

Il gesto di Mourinho allo Stadium dopo la vittoria del suo Manchester e, dopo aver ricevuto insulti