La locandina del film Broken


Martedì 9 luglio 2019 – Ore 18 a Roma

In occasione del quindicesimo anniversario del verdetto sul MURO, proiezione del film

BROKEN
di Mohammed Alatar

Sarà presente il regista
Interventi di Vincenzo Vita  e Monica Maurer 

Sala Zavattini FONDAZIONE AAMOD
Via Ostiense 106 – ROMA (Centrale Montemartini)

Ingresso libero fino ad esaurimento posti
Prenotazioni consigliate su eventi@aamod.it

A seguire , il regista accompagnerà il film in un tour  nelle seguenti città:
11/7 NAPOLI  ore  20.00
Ex-Asilo Filangieri – Vicolo Giuseppe Maffei 4
12/7 MODENA ore 20.30
Sala Polivalente Windsor Park – Strada San Faustino 155/u
14/7  TORINO ore 20.00
Casa del Quartiere – San Salvario

La storia del Muro dell’Apartheid

La storia del “Muro dell’ Apartheid” di Israele in Palestina, del suo impatto quotidiano sulle vite dei palestinesi, è stata raccontata da  prospettive diverse ma  la storia della promessa infranta della legge internazionale, deve ancora essere raccontato. Ci ha pensato il regista Mohammed Alatar a narrare cinematograficamente quella storia nel film “BROKEN“, un documentario di prim’ordine che getta molta luce sull’intersezione tra legge e politica in uno dei punti problematici più persistenti del mondo.
Nel 2004 – dichiara il produttore Stefan Ziegler–  la Corte Internazionale di Giustizia (ICJ) ha dichiarato illegale il Muro e ha invitato gli Stati a sostenere il proprio parere consultivo. Sebbene i rappresentanti internazionali abbiano promesso il sostegno dei loro governi all’Assemblea generale delle Nazioni Unite, finora non sono emersi risultati tangibili, al contrario, il Muro è  ormai lungo 700 km e alto il doppio del muro di Berlino. Come delegato del Comitato internazionale della Croce Rossa, e successivamente come capo dell’unità di monitoraggio barriera dell’ONU, e ora come produttore cinematografico, ho lavorato per documentare gli impatti del Muro dal 2005.  Quando la mia unità fu sciolta nel maggio 2013 a causa della mancanza di fondi e della mancanza di volontà, mi sono chiesto, potrei ignorare un argomento che conoscevo in modo più approfondito di quasi chiunque altro? 

Alatar spiega
Il focus dell’opera che abbiamo realizzato ispirandoci agli  impatti umanitari del muro in Cisgiordania – dice il regista Mohammed Alatar – vuole incentrarsi sul diritto internazionale, le sue promesse non mantenute, l’ICJ, il Muro di Israele in Palestina e i doveri e le omissioni della comunità internazionale: una rete intricata di legge, politica e potere, e di come la storia si rifiuti di voltare pagina continuando ad influenzare drammaticamente la vita quotidiana di molte persone che vivono li.
Il film, la cui realizzazione ha visto il cineasta viaggiare attraverso tre continenti per raggiungere proprio le persone le cui deliberazioni sono quelle che danno forma al futuro del diritto internazionale, dei diritti umani e, in definitiva, della pace, fornisce testimonianze di esperti di giurisprudenza di fama internazionale, giudici della CIG, diplomatici esperti e ufficiali militari israeliani che hanno costruito il muro.
BROKEN verrà proiettato in prima alla Sala Zavattini della Fondazione Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico il 9 luglio, alla presenza del regista, di Monica Maurer e del presidente AAMOD Vincenzo Vita e sarà poi presentato in un breve tour italiano nei giorni successivi a NapoliModena Torino.

Trailer del film: https://www.youtube.com/watch?v=QjiM3XDPqZM

IL REGISTA Mohammed Alatar
Attualmente uno dei maggiori registi di documentari della cinematografia palestinese, Mohammed Alatar è stato addestrato come regista alla fine degli anni ’90 negli Stati Uniti. Le sue precedenti esperienze lavorative includono posizioni come Future Stories Director per CBS News, Media Advisor per l’UNDP e il Ministero per gli Affari di Gerusalemme. Nel 2002, ha fondato e diretto «Palestinese per la pace e la democrazia».
Con un profondo impegno per i diritti umani e la lotta del suo popolo, Mohammed Alatar si definisce più come attivista per i diritti umani che come cineasta. Usa la sua opera per promuovere le sue idee e convinzioni in tutto il mondo, dando spazio alle cause e ai valori che difende. I suoi mentori sono Oliver Stone e il regista egiziano Yousef Chahin, che sono «persone che fanno film con un messaggio, non solo intrattenimento».
Nel 2006, Mohammed Alatar ha pubblicato «The Iron Wall», un film sull’insediamento degli insediamenti israeliani nella West Bank, che copre anche la controversa costruzione del muro israeliano nella West Bank. Il film sostiene che gli insediamenti sono l’aspetto visibile di una strategia per l’occupazione permanente del territorio. «The Iron Wall» segue la cronologia degli insediamenti ed esamina i loro effetti sul processo di pace.
Riferendosi  al film, l’ex presidente degli Stati Uniti Jimmy Carter ha dichiarato: “La migliore descrizione del Muro, il suo  impatto sulla vita della gente è mostrata nel film ‘The Iron Wall’”.
East Side Story
Nel 2008, Mohammed Alatar ha pubblicato “Jerusalem -the East Side Story”, uno dei documentari politici più visti in Palestina. Presenta gli effetti e le ingiustizie dei 42 anni di occupazione israeliana di Gerusalemme Est .
E stato presentato al Cineforum Palestina dell’AAMOD in un Focus su Gerusalemme il 15 Maggio scorso, il giorno della recorrenza della Nakba, la “catastrophe”palestinese, scelto da Trump di spostare l’Ambasciata USA da Tel Aviv alla Città Santa.
Nel  suo attuale documentario, «Broken», Alatar tenta di spiegare perché non sia stato fatto nulla per impedire a Israele di continuare a costruire il Muro, e perché dopo che l’ICJ l’ha dichiarato illegale nel 2004, non è stato smantellato.

Sito web ufficiale BROKEN: http://broken-the-film.com/