La pallavolista Miriam Sylla, trasferitasi da Bergamo all’Imoco Conegliano

Sylla all’Imoco: occasione per crescere
L’Imoco Conegliano campione d’Italia ha ingaggiato  Miriam Sylla, 23 anni (è nata a Palermo l’8 gennaio 1995) schiacciatrice della Nazionale. Proviene dal Volley Bergamo, con cui ha giocato nelle ultime cinque stagioni che l’hanno vista crescere fino ameritare la maglia azzurra.
Nata da genitori ivoriani (la mamma era nazionale di pallamano), dopo gli inizi nelle giovanili a Orago, la carriera di Miriam Sylla inizia nella stagione 2011-12 quando viene ingaggiata da Villa Cortese, con cui gioca per due annate sia nella squadra giovanile, sia in quella maggiore, in Serie A1, con qualche apparizione in campo durante la stagione. Entra presto anche nelle nazionali giovanili, vincendo la medaglia di bronzo al campionato Europeo Under 19 nel 2012.
Nella stagione 2013-14 passa al Volley Bergamo, club con il quale si aggiudica la Coppa Italia 2016; nel 2015 ottiene le prime convocazioni nella nazionale maggiore, con cui, nel 2017, vince la medaglia d’argento al World Grand Prix.
Nell’ultima stagione con Bergamo per Miriam 195 punti e 37 muri.
«Sono contentissima di vestire una maglia prestigiosa come quella dell’Imoco, che negli ultimi anni è sempre stato per me un club di riferimento per la qualità dell’organizzazione, per le ambizioni e le tante campionesse che ci giocano, e per il pubblico e l’atmosfera che c’è al PalaVerde. Confesso che lasciare Bergamo dopo cinque anni non è stato facile, sarò sempre molto legata alla Foppapedretti, lascio un club che ho amato e dove mi sono trovata benissimo, con tanti tifosi che mi vogliono bene. Ma era arrivato il momento di acettare una sfida bella e stimolante come quella dell’Imoco ed ora sono carica per mettermi alla prova e vedere quanto potrò fare in una squadra come quella delle Pantere»

Che aspettative nutre per la prossima stagione?
«Sarà una grande occasione per migliorarmi e per crescere ancora. Ho 23 anni e i margini sono ancora ampi, con uno staff tecnico come quello dell’Imoco e allenandomi tutti i giorni con grandi atlete dal pedigree illustre potrò aumentare il mio bagaglio tecnico e personale. Ho parlato con il coach Santarelli ed è stato molto carino con me, spiegandomi come funziona il lavoro. Sarà una stagione lunga e piena di impegni, c’è anche la Champions e avremo una rosa ampia a disposizione del coach per andare a caccia di tutti gli obiettivi. Ci sarà bisogno di tutte e io lavorerò al massimo per ritagliarmi il mio spazio ed essere a disposizione delle necessità della squadra e dell’allenatore»

Come sta andando in Nazionale?
«Siamo solo all’inizio, il bello verrà più avanti, e stiamo imboccando un percorso interessante per raggiungere i nostri obiettivi con questo giovane gruppo che sta lavorando per diventare una squadra forte. Stiamo andando abbastanza bene, ma c’è ancora strada da fare e tanto lavoro in palestra che ci aspetta».

In Nazionale ci sono altre gocatrici dell’Imoco, l’aiuteranno ad integrarsi meglio in squadra?
«Conosco bene Moki De Gennaro che è una delle veterane qui in Nazionale, con Anna Danesi siamo cresciute insieme nelle Nazionali giovanili e nella Nazionale maggiore, sono molto amica di Raphaela Folie che purtroppo non avremo in azzurro quest’estate, quindi penso che non sarà difficile inserirsi nel gruppo. Anche perchè ho seguito sui social quest’anno questa Imoco un po’ pazza, un gruppo che mi piaceva molto vedendolo dal di fuori per l’armonia che si percepiva e quel pizzico di sana follia. Insomma, considerando che in questo momento ho i capelli…blu, un po’ pazza lo sono anch’io. Anzi, magari se succederà qualcosa di bello durante la stagione me li faccio gialloblù’!»

Simone Fregonese (Imoco Volley Conegliano)