La Serbia con la medaglia d’oro sul podio dei Mondiali 2018 a Yokohama Foto Filippo Rubin

La pallavolo in Italia è l’unico sport ad avere due Nazionali di alto livello, sia la maschile che la femminile, che hanno alle spalle movimenti con problemi e problematiche irrisolte, ma sicuramente forti e consolidati, specie se messi a confronto con altre discipline sportive. A ciò si dovrebbe anche aggiungere il beach volley, che ai Giochi di Londra 2012 piazzò le due coppie regine del maschile e del femminile al quinto posto, e che due anni fa all’Olimpiade di Rio ha visto approdare in finale Paolo Nicolai e Daniele Lupo. Questo particolare status trova riscontro anche nella ipotetica ma reale classifica della “combinata” tra Mondiali maschili (dal 9 al 30 settembre scorso in Bulgaria e Italia) e Mondiali femminili (conclusisi sabato a Yokohama in Giappone). Affiancando le due Final Six emerge la Serbia: oro donne e quarta a Torino. Poi l’Italia, 5ª a Torino e argento con le ragazze. Al terzo posto gli Usa con 3° e 5° posto. Solo loro sono riuscite ad essere nella top six dei due tornei.*

*testo pubblicato sul Corriere dello Sport di martedì 23 ottobre 2018

La bandiera della Serbia

La bandiera dell’Italia

La bandiera degli Stati Uniti d’America