http://leandrodesanctis.blogspot.it/2013/12/volley-confederazione-ebeti-volley.html

Non c’è niente da fare, per un motivo o per l’altro la Cev non riesce proprio a varare un format attendibile, equo e sportivo di Champions League. Basterebbe copiare i ceiteri del calcio, ma evidentemente è un compito troppo difficile. Sia nel torneo femminile che nel torneo maschile, due squadre della stessa Nazionale (Italia e Russia in questo caso) ssono state collocate nello stesso girone.Non esiste sport al mondo che preveda questa assurdità. Ma la pallavolo, la Cev, è ormai celebre per varare ciò che negli altri sport non è proprio possibile. Una Champions così, non può essere considerata seria. Eppure tutti abbozzano, ogni anno ci si lamenta ma non si riesce a dare credibilità alla manifestazione. Nonostante i diritti sportivi televisivi acquisiti (in Italia trasmette Fox Sports) e le importanti società che partecipano. Qualificazioen alla fase finale in vendita, squadre dello stesso Paese subito insieme nel girone, golden set supplementari anche se sul campo tra andata e ritorno si verificano risultati diversi (un 3-0 e un 1.3 valgono allo stesso modo). E nessuno se ne vergogna. Cev, Federazioni, Leghe, Club. La password per dare credibilità non riesce a trovarla nessuno. Povera pallavolo…